Tempo fa Siddharta comprese che Nam myoho renghe kyo è la Legge della vita e dell'universo, la pulsante e misteriosa energia che è alla base di tutti i fenomeni, il suono che fa vibrare la corda nascosta che è dentro di noi! Nichiren Daishonin la diffuse a tutti.

LUCCA, Adorabile città morta...

  • Posted: 4/24/2008 02:16:00 PM
  • |
  • Author: Marco

Adoro Lucca ma la penso esattamente come Joe Natta, noto musicista lucchese che si è spesso battuto per l'anarchia politica di questa picocla grnade città, vi ripropongo quest'articolo apparso sul Tirreno dieci giorni fa:

«Ci hanno fatto terra bruciata intorno»

Mentre parla, si fa fatica a riconoscere la demenzialità che ne ispira le canzoni. Joe Natta, alias Giovanni Fenili, 31enne musicista che si ispira a Elio e le storie tese e a Roberto "Freak" Antoni, è in realtà un ragazzo come tanti di questa città. Uno di quelli che la sera vogliono uscire e divertirsi. «Negli ultimi anni è diventato praticamente impossibile - attacca - I centri di aggregazione sono spariti. Mentre nei pub non si può praticamente suonare: primo, perché si disturbano i vicini, e poi perché a mezzanotte bisogna smettere. Altrimenti arrivano i carabinieri».
Allora è vero che in questa città non c'è niente per i giovani, come dicevi nella tua canzone "La mia città è morta". Anche se con termini un po' più pesanti.
«Attenzione, io non mi faccio portavoce di nessuno. Ho semplicemente lanciato un sasso nello stagno. Molti però la pensano come me. Nel 2005, assieme ad altri musicisti lucchesi, incidemmo una compilation: "Lucca calling". In quel cd c'erano canzoni, serie e semiserie, che parlavano della mancanza di spazi per i giovani. "La mia città è morta" faceva parte della compilation. Sai qual è la cosa peggiore? Che quella canzone è stata scritta nel 2003. E a cinque anni di distanza c'è gente che la considera attuale. Perché non è stato fatto niente. Anzi, è stato fatto qualcosa, ma per togliere».
Spiegati meglio.
«Nel 2004 venne chiuso il Kaboom, un centro che aveva avuto discreto successo tra i ragazzi. Non era affatto un centro sociale: era un luogo di ritrovo, che aveva una piccola biblioteca, e spazi per attività culturali. Facemmo persino un concerto per scongiurarne la chiusura, a cui invitammo l'allora sindaco Pietro Fazzi e la giunta comunale. Ovviamente non vennero, anzi: una settimana dopo il Kaboom era chiuso. E adesso l'immobile è là, completamente inutilizzato».
Un episodio che non è andato giù a molti giovani. E che ha fatto il paio con la recente chiusura del Mattaccio a Capannori. Assai contestata. Ma l'amministrazione comunale dice: a disposizione dei giovani c'è il Foro Boario.
«Non mi sembra che sia stato uno scambio vantaggioso. Ci sono pochi eventi, e per farli bisogna sborsare un sacco di soldi».
E cosa dici dei concorsi e delle manifestazioni che si svolgono in città?
«Qui dobbiamo fare dei distinguo. Fino al 2003 c'era il Match music live, concorso di qualità per gruppi emergenti. Dal 2004 fu eliminato e nacque l'attuale Arena della musica. Dove vengono invitate quasi esclusivamente le cover band, per giunta quasi tutte non lucchesi. Me lo ricordo bene, perché per protestare suonai in mutande».
Hai qualcosa contro le cover band?
«No, assolutamente, ma visto che a Lucca ci sono tantissimi gruppi emergenti non capisco perché non diamo loro spazio».
E il Summer festival?
«Bello. Peccato che un biglietto costi mezzo stipendio».
Joe Natta, sei incontentabile. Ma, sinceramente, ami Lucca?
«Certo, la nostra città è una cartolina che tutti ci invidiano. Ma è prigioniera di questo voler piacere ai turisti. Dai parcheggi a pagamento ai campi da golf, per non parlare dei centri commerciali: qui c'è spazio solo per il business. Vanno bene i Comics, e i pub che tutto sommato sono in abbondanza. Però i ragazzi per divertirsi vanno a Pisa, oppure nei locali della Versilia. E non c'è da meravigliarsi: sarebbe strano il contrario».
(14 aprile 2008)

E ora gustatevi questo video...

2 people have left comments

Anonimo

Anonimo said:

ciao bellissimo post, conosco joe natta dal suo sito, e avevo visto il video, ce ne sono altri fantastici e divertenti, sono d'accordo con lui e con te, adoro Lucca e lui che almeno ci prova a cambiare le cose, perlomeno ci fa divertire! comunque anch'io voglio provare a fare qualcosa,
visita il mio sito: www.leduemeta.it
ciao Tiziana

Marco Ricciardi said:

Ah Tiziiiii, non disperare, si nota anni luce la tua immensa sofferenza nelle tue parole, ma non demordere. Come mi insegna il buddismo, nobile filosofia, la felicità e l'appagamneto personale non dipendono da nessuno se non da noi stessi, per cui, lasciando stare la politica(che come abbiamo visto non funziona) sappi che sono totalmente dalla tua parte per creare una community, facciamoci avanti,creaiamo un giornalino, chessò... In ogni caso ti comunico che mio zio ha aperto un club a ponte san pietro(www.nisiclub.it), uno spazio dove ci possiamo fare quello che ci pare, se hai idee proponi ;)